Copertina Articolo - Certificazione ISO 9001

Parla Diego: Certificazione ISO 9001

Il Sistema di gestione per la Qualità ISO 9001 – Quality Management System – a mio avviso, quale titolare della Masutti Marmi, ha un unico preciso obiettivo: ottimizzazione i processi aziendali, per ottenere la piena soddisfazione del cliente.
Ritengo ci siano due modi di approcciarsi a questo sistema: il primo è farlo perché ci si crede, il secondo è farlo per averlo; penso che questo sia un aspetto importantissimo da valutare prima di cominciare un percorso da eseguire con impegno e dedizione.

Nel lontano 2002, sono stato uno dei pionieri con Cesaf s.r.l., allora s.a.s., ad ottenere la certificazione Qualità; parimenti, ho fatto con Masutti Marmi s.r.l., appena acquisita, nel 2018.
Sono convinto che la Certificazione Qualità, attraverso il suo processo di attivazione, aiuti in modo prezioso l’azienda, sia un valore aggiunto, a beneficio del cliente finale, colui che poi acquista il tuo prodotto o servizio; lo ritengo un sistema di tutela nei suoi confronti.

Se il criterio di avvicinamento alla certificazione è quello di credere in quello che stai facendo (nel mio caso, tante, troppe volte, anche in contrasto alle interpretazioni di consulenti e di certificatori), devi assolutamente riuscire a calare le regole e le indicazioni base delineate dalla norma nella tua realtà aziendale, cercando – anche se spesso risulta molto difficile – di modificare il tuo normale (e forse sbagliato) modus operandi. Ho definito sbagliato il modo di operare, perché finché non ne provi altri, sei convinto che il tuo sia il migliore, ma credimi che non è cosi, c’è sempre da imparare e migliorare.

Ultimata questa doverosa premessa, è giusto che fornisca degli elementi chiari per cercare di far comprendere cosa intendo io “con credere in questa qualifica”; il primo concetto che questa norma ti insegna, è l’ordine!  

L’ordine è fondamentale in tutto, specialmente nel mondo lavorativo! Concretizzare delle procedure che ti portano all’ordine, è importante: una volta raggiunto un buon livello di applicazione, diventa una soddisfazione impagabile, con risultati tangibili anche dal punto di vista economico; se tutto è in ordine, è semplice ritrovare ciò che cerchi e di cui necessiti, perdi poco tempo ed hai informazioni precise subito.
Ritengo interessante portarvi anche un esempio concreto: quando lavoravo nel mondo della telefonia mobile, costruendo tantissime stazioni radio base, era appagante – dopo anni che avevi ultimato un lavoro  – che le persone ti chiamassero per avere delle informazioni specifiche su cantieri eseguiti magari 5/6 anni prima e tu in un battibaleno eri in grado di dare una risposta, sia ritrovando files in un archivio digitale ben organizzato, sia disponendo di documenti originali in uno schedario cartaceo ben strutturato. Le telefonate di richiesta cominciavano sempre con una domanda: voi che avete tutto in ordine e trovate sempre tutto, potete essermi di aiuto? Questa la nostra, la mia soddisfazione.
Credere in un sistema qualità significa porsi degli obiettivi e – di conseguenza – degli strumenti validi per misurare tangibilmente i risultati positivi, o negativi che siano; oltre a ciò, significa cambiare punto di vista, uscire dai classici schemi dall’abitudine e dalla consuetudine, significa modificare mentalità alla struttura che governa e che gestisce le fasi processuali nel loro insieme, indipendentemente dall’attività produttiva.

L’imprenditore che sceglie questa strada, deve impegnarsi in prima persona, non può delegare! Servono decisioni forti e servono azioni forti, non trascurando l’impegno economico necessario all’ottenimento del risultato. Io personalmente ho investito tantissimo tempo in queste certificazioni; le norme di riferimento – a mio avviso – hanno la funzione di farti riflettere, quindi – una volta lette, studiate e ancora ri-studiate, approfondite, capite – vanno discusse con l’aiuto dei consulenti specializzati e poi vanno calate nella tua realtà aziendale e nei relativi processi gestionali. Certificarsi non vuole dire stravolgere la tua azienda, ma significa migliorarla, significa renderla uno strumento efficace per il tuo cliente.

Fissare degli obiettivi vuol dire investire nella raccolta e nell’analisi dei dati, per scoprire il grado di soddisfazione del tuo cliente; non puoi lamentarti se la tua azienda non va bene, ma devi invece fare tesoro dei feedback e capire dove stai sbagliando. Essere certificati dimostra di avere la forza di mettersi in gioco tutti i giorni, ammettere una sconfitta, con la consapevolezza che non hai perso una guerra ma solo una battaglia.
Questo concetto è quello che mi ha sempre animato nel percorso di certificazione delle mie aziende. Per un imprenditore, ammettere di aver sbagliato non è mai semplice; lo strumento di certificazione ti aiuta a prenderne atto oltre a darti la tangibile possibilità di leggere i dati che hai raccolto e farti capire in concreto dove hai sbagliato e – cosa ancor più importante – ti offre gli strumenti per riparare all’errore commesso.

Mi chiedo spesso se il contesto, i miei clienti, sono consapevoli dei benefici che ricevono, a seguito della Certificazione Qualità delle mie aziende. La risposta non è semplice: non tutti lo apprezzano, non tutti se ne rendono conto, ma piano piano cominciano a valutare positivamente i risultati di un lavoro impegnativo e costante, che risulta essere molto efficace soprattutto per loro.

In Masutti Marmi, il Sistema Qualità ha portato a risultati importanti, che si sono raggiunti con l’ordine e con l’analisi costante dei dati raccolti. La politica zero rotture, l’informazione e la formazione che stiamo dando e distribuendo per rispondere alle esigenze del nostro cliente, l’annullamento o quasi degli errori, sono tutti fattori che ci danno chiari segnali che stiamo lavorando nella giusta direzione e, piano piano, cominciamo a vedere che anche la clientela ha coscienza del grado di Qualità che esprimiamo.

Diego Pol

Condividi questa notizia
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su email
Scroll to Top